Sabato 25 aprile ore 10.30

RENOIR OSPITE IN VILLA. PAESAGGI IMPRESSIONISTI

Per la prima volta in Italia arriva dal Musée d'Orsay di Parigi l'opera di Renoir La Seine à Champrosay. Lo splendido dipinto sarà esposto insieme a opere di Renoir, Monet, Matisse e Cézanne già presenti nella Collezione permanente della Fondazione Magnani Rocca, a Mamiano di Traversetolo (PR). La visita proseguirà nelle altre sale della Villa dei Capolavori, dove sono conservate, tra le altre, opere di Gentile da Fabriano, Lippi, Ghirlandaio, Dürer, Tiziano, Rubens, Van Dyck, Goya, Canova, De Pisis, e Morandi.

Incontro: biglietteria della Fondazione Magnani Rocca
via Fondazione Magnani Rocca 4, Mamiano di Traversetolo (Parma).

Durata:  1 ora e 30 minuti circa

Massimo 20 partecipanti. Nel caso le adesioni superassero il limite, verrà organizzato un secondo turno nel corso della stessa giornata

Sabato 9 maggio ore 15.30

FAMILY TOUR: INSIEME AL DUOMO

Il Duomo di Modena, fondato il 9 giugno del 1099, è tra i monumenti più importanti del romanico europeo, riconosciuto dall’UNESCO nel 1997 Patrimonio Mondiale dell’Umanità, assieme alla torre Ghirlandina e a Piazza Grande. La visita, particolarmente indicata per le famiglie, si soffermerà sulle preziose testimonianze artistiche del passato, senza tralasciare le leggende, i miracoli di San Geminiano, le imprese cavalleresche di Re Artù e le favole antiche

Incontro: sagrato del Duomo in C.so Duomo.

Durata: 1 ora circa

Sabato 16 maggio ore 15.45

MUSEO ARCHEOLOGICO DI MODENA E VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA: LE URNE DEI FORTI. DALLA PREISTORIA ALLA PROTOSTORIA DEL TERRITORIO MODENESE

Vorreste sapere cosa c'era, e in parte ancora c'è, nei pressi della Chiese parrocchiale di Casinalbo?  Ebbene, visitando la mostra  "Le urne dei forti", la vostra curiosità sarà esaudita. Con l'ausilio di supporti multimediali,  la nostra visita sarà un salto indietro nel tempo, una sorta di full immersion nella vita di una comunità  modenese di 3500 anni fa in piena età del bronzo. La necropoli di Casinalbo, che al momento ha restituito quasi 700 sepolture, rappresenta un unicum, un caso di studio di eccezionale interesse sia per evidenziare gli straordinari progressi della moderna indagine archeologica, sia per seguire le  principali tappe  del rituale della incinerazione dall'antichità fino ai giorni nostri, allorchè l'utilizzo della cremazione è tornato in auge.

Incontro: atrio del Palazzo dei Musei, Largo Porta S. Agostino, 337 .  

Durata: 1 ora e 30 minuti circa

Domenica 24 maggio ore 10.30

LA ROSA DI FUOCO. LA BARCELLONA DI PICASSO E GAUDI’

Effervescente e ammaliante, estrosa e ribelle, Barcellona all’inizio del Novecento era “la rosa di fuoco”. Un fervore nuovo infiammava la scena artistica e culturale, sul modello della Parigi Art Noveau, mentre una rovente tensione sociale esplodeva in conflitti e in attentati. Una schiera di talenti diede allora vita ad una straordinaria fioritura in campo artistico, che ha cambiato per sempre il volto della città e ha lasciato un segno profondo nella storia dell’arte del Novecento. Tra i protagonisti spiccano le personalità di Antoni Gaudì, visionario innovatore del linguaggio architettonico e delle arti decorative e il genio del giovane Picasso. Questa affascinante avventura viene raccontata a Ferrara a Palazzo dei Diamanti, grazie ad un allestimento coinvolgente, tra dipinti, opere su carta, fotografie, gioielli, modelli teatrali, ceramiche e sculture, che offre al visitatore una preziosa chiave di lettura per capire come tutte le arti in quel momento siano state percorse da un medesimo fuoco di rinnovamento.

Incontro: davanti all’ingresso principale del Duomo di Ferrara alle 9.45.

Durata: 1 ora e 30 minuti circa.

Parcheggio più vicino “Ex-Mof” ingresso via Darsena angolo corso Isonzo; gratuito.

Massimo 20 partecipanti. Nel caso le adesioni superassero il limite, verrà organizzato un secondo turno nel corso della stessa giornata

Sabato 6 giugno ore 16.00

MODENA TRA STORIA E LIRICA

L’Associazione Culturale Arianna, in collaborazione con Il Salotto Culturale Aggazzotti, propone  un’iniziativa che coniuga storia e lirica: passeggiata storica guidata nel centro della città tra i monumenti più famosi, narrando gli aneddoti e le curiosità più originali  sulla storia di Modena, Città del Bel Canto, e ricordando le straordinarie voci che hanno fatto conoscere Modena nel Mondo. Alle 18.00 seguirà concerto al Salotto Aggazzotti (Viale Martiri della Libertà, 38) con un omaggio alle grandi arie d’Opera, a cura dell’Ensemble Musicale diretto dal Maestro Gen Llukaci.  Seguirà brindisi con gli artisti.

Incontro: Piazza Grande, presso la Pietra Ringadora

Durata: 3 ore circa

Numero minimo di partecipanti: 20 persone

Venerdì 26 giugno ore 16.00

ALLA SCOPERTA DI BOLOGNA: PALAZZO HERCOLANI E SANTA MARIA DEI SERVI, DUE GIOIELLI ARTISTICI DI STRADA MAGGIORE

L’insolito itinerario bolognese  ci porterà all’interno del  prestigioso palazzo dei principi Hercolani costruito  a cavallo tra Sette e Ottocento e ora sede del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università. Qui ne visiteremo lo scenografico scalone d’onore, l’ultimo scalone monumentale costruito a Bologna, alcune delle sale affrescate del piano nobile e la straordinaria “Boschereccia” di Rodolfo Fantuzzi (1810), stanza affrescata a simulare una verzura illusionistica che prelude al contiguo giardino d’inverno. Seguirà la visita alla vicina Basilica di Santa Maria dei Servi preceduta dall’arioso quadriportico rinascimentale (completato nell’Ottocento) e custode di opere di spicco come una crocifissione di Cimabue e tele di artisti sei-settecenteschi come Calvaert, Cesi, Albani e Franceschini.
Incontro: davanti all’ingresso di Palazzo Hercolani, Strada Maggiore, 45.
Durata: 1 ora e 30 minuti circa

Quota di partecipazione per ogni appuntamento: € 5,00 a persona

(ove non diversamente specificato)

 

+ eventuale biglietto d’ingresso dove richiesto:

Palazzo dei Diamanti:  intero 10 euro (minimo 20 persone) + 1,5  euro per radioguida (obbligatorio).

 

Renoir ospite in villa: 12 euro, comprensivi del biglietto d’ingresso che include anche la mostra temporanea “ Roma 900”

Modena tra storia e lirica: 20 euro